benvenuti

Tanti buoni motivi per venire da noi:

il rifugio

Piccolo e

molto accogliente.

gli eventi

invernali o estivi non cambia, il divertimento è assicurato.

l'autogestione Prova l'emozione di passare

un week end in completa autogestione. 

il Dolo

Rilassarsi al fresco delle acque del torrente Dolo.

le torte E i taglieri del San Leo.

l'Abetina

Reale

Gli altissimi

abeti maestosi

e le loro storie.

le tende Puoi campeggiare negli appositi spazi.

e molto altro

Quindi cosa aspetti? Vieni

a trovarci!

Poesie

di Graziano Gigli Caniparoli

Prado, e munt di fiur

Eul sran mili volt c'am sun arampiga

E peul mili volt am sun meraviglia,

e cmeu un'i innamura al cerca u so amur

e Prado l'è e me munt, e munt di fiur

chi an gh'è mai sta an nu sa, an la capi

che eud chi al ciel us tucca cun un di.

A sun riv in cima, che conquista!

Eud chi us ammira la più bella vista

De panurama dal nostr Appennin

I prim paies che ien chi suta avjn,

us veud dre a la nebbia balugana

Regg, Modna e un po' la Val Padana.

E quand l'è sren cun aria eud tramuntana

Us ved la curuna deglii Aip, bianca e luntana

U lag d'ila Bargetana appena eud dre

E i Cusna dentr l’Osla us lava i pe

U sul cal nasc la mai eud dre dal Cimun

Pian pian u s'elza suvra l’Abetun

U s'leva elt lassù oltr eu l'Iaupuan

Cun i seu marm e munch dal furm straneu

U sul i cala uramai, l'ha fni u so gir

Us tuffa int al Tirren a rimbunir

D'in cima ae Prado quand l'è proprieu chiar

Vers l'Occident us ved l'azzur de mar.

Un caverieul em guarda incuriusi

Che raza eud bestia am scia an l'ha capi

Ma l’umm us sa, l'è la bestia pù strana,

em guarda un alteur po' e us alluntana

a sent ruzzlar si sciasc da un canalun

giù eud cursa a truncacoll: ecco i muflun

l'era eud vedeutta, l'ha m'ha vist rivar

las driza in cima un sass, prunta a fischiar

at sun amig, marmotta, a neu scapar

arturna in cima au sass, last guardar.

Ma le l’ha vist in elt un'umbra scura

L'as ten prunta a scapar, l’ag fa paiura

E l’aquila l’e su che la vulteuggia,

e po la scatta cmeu na lampaneuggia,

la serra l’ialieu e po' giù in picchada

ma la marmotta lesta l’e scapada

e l'aquila la turna in pusiziun,

la sa che prest ig sra un'altra uccasiun

e levr, vuip, tass e mili cinghia

e luv e cerv e tanch altre anima.

I ghè un sinter che e va su pr'un custun

pr vder i fìur l'è e punt d'usservaziun

l'è fini l'invern, l'arriva e prim calur

la neva la seu strugg, al nasc i fiur

un anemuneu alpin c'l'è ust fiuri

a testa china al treuma infreuduli

ma u sul u sveughia cun u so cald baj.

L'elza la testa e pò us areva daj

Crocus e fiacacoi bele spunta

La suldanella dai pizz ricama

 

 

viola udurusa, genziana turchina,

primula gialla, primula appennina

e ven pu cald, al nasc eud ialtr fiur

ognun divers eud furma e anc eud clur

al giglieu russ, al giglieu martagun

e l'aquile già all'umbra d'un sassun

e po' tanch altr ctian stag chi a elencar

ma cus eug vat a far am sent dmandar,

i sran mill'ann c'l’è lì, al né cambia

o c'teun capisc nguta o c'te fissa.

Fin che ag arò una testa in gra eud pensar

E eul gamb c'I'eun portn, a neu smetrò d'ceurcar

Queul che mi a cerc forsci al n'è sul lì,

a sper deu vder d'lassù mei dentr eud mi.

Prado, il monte dei fiori

Saranno mille volte che mi ci sono arrampicato
E per mille volte mi sono meravigliato
ome un innamorato cerca il suo amore
Il Prado è il mio monte, il monte dei fiori
Chi non c'è mai stato non lo sa non l'ha capito
Che da qui si tocca il cielo con un dito
Sono arrivato in cima, che conquista!
Da qui si ammira la più bella vista
Del panorama del nostro Appennino
I primi paesi sono qui sotto, vicino
Si vede dietro la nebbia "balugana"
Reggio, Modena e un po' la Val Padana.
E quando è sereno con l'aria di tramontana
Si vede la corona delle Alpi, bianca e lontana
Il Lago della Bargetana appena dietro
E il Cusna che dentro l'Ozola si lava i piedi
Il sole che nasce la dietro al Cimone
Pian piano si alza dietro l'Abetone
Si leva alto, lassù dietro alle Apuane
Coi loro marmi bianchi e le forme strane
Il sole cala ormai ha finito il suo giro
Si tuffa nel Tirreno all'imbrunire
Dalla cima al Prado, quando è proprio chiaro
Verso occidente si vede l'azzurro del mare.
Un capriolo mi guarda incuriosito
Che razza di bestia io sia non l'ha capito
Ma l'uomo si sa è la bestia più strana
Mi guarda un altro po' eppoi si allontana
Sento ruzzolare dei sassi in un canalone
Giù a rotta di collo: ecco il muflone
Era di vedetta, mi ha visto arrivare
Si drizza in cima a un sasso, pronta a fischiare
Ti sono amico, marmotta, non scappare
Ritorna in cima al sasso, lasciati guardare
Ma lei ha visto in alto un ombra scura
Si tiene pronta a scappare, le fa paura
E l'aquila è lassù che volteggia
Eppoi scatta come un lampo
Chiude le ali poi giù in picchiata
Ma la marmotta lesta è scappata
E l'aquila torna in posizione,
Sa che presto ci sarà un'altra occasione
E lepri, volpi, tassi e mille cinghiali
E lupi e cervi e tanti altri animali
C'è un sentiero che va su per il costone
Per vedere i fiori è il punto d'osservazione
E' finito l'inverno, arriva il primo calore
La neve si scioglie, nascono i fiori
Un anemone alpino è appena fiorito
A testa china trema infreddolito
Ma il solo lo sveglia col suo caldo bacio
Alza la testa e poi si apre adagio
Crocus e bucaneve già spuntati
La soldanella dai pizzi ricamati
E' l'anemone alpino il primo a sbocciare
Crocus e soldanella dietro a spuntare
Viola odorosa, genziana turchina
Primula gialla, primula appennina
Viene più caldo, nascono altri fiori
Ognuno diverso di forma e anche di colore
Il giglio rosso, il giglio martagone
E l'aquilegia all'ombra di un sassone
E poi tanti altri che non sto qui a elencare
Ma cosa ci vai a fare mi sento domandare
Saranno mille anni che è lì non né mai cambiato
O che non capisci niente o che sei fissato
Fin che avrò una testa in grado di pensare
E le gambe che mi portano non smetterò di cercare
Quello che io cerco forse non è su di lì,
Spero di vedere da lassù dentro di me.

QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE PER SEMPLIFICARE E MIGLIORARE LA NAVIGAZIONE.
CHIUDENDO QUESTA NOTIFICA O NAVIGANDO SUL SITO ACCONSENTI AL NOSTRO UTILIZZO DEI COOKIE
PER SAPERNE DI PIÙ O NEGARE IL CONSENSO A TUTTI O ALCUNI COOKIE